Category Archives: Cosa ne pensiamo

REPUBBLICA: Aut aut della minoranza Pd “Renzi dialoghi o sarà dissenso” Il premier: “Non ci fermiamo”

Published Post author

IMG_0223.JPG

One two three…fight in parlamento, è successo ieri sera mentre la camera era riunita per la votazione dei nuovi progetti di legge, quando ad un certo punto i parlamentari del movimento cinque stelle decidono di occupare l’aula quindi di segregarsi dentro; tentativo però sfumato quasi subito per via dell’intervento delle guardie dell’aula e dei parlamentari del Pd venuti alle mani con i rappresentanti del movimento avversario. Intanto la presidente Laura Boldrini si lamenta poiché ormai i rappresentanti di ogni partito fanno un numero di assenze altissimo, cosi non si possono rispettare le richieste del presidente del consiglio Matteo Renzi che aveva chiesto di lavorare senza sosta e di approvare queste leggi in tempi brevi.
La risposta dei cinque stelle è sempre quella di cambiare l’Italia, ma ormai non è più sufficiente, visto che la loro proposta per rispettare la promessa di cambiare è quella di occupare sempre l’aula cosa non sempre efficace, anzi non è servito quasi mai ma ha solamente peggiorato le cose.

14 febbraio 2015

CORRIERE: La Cina affronta la nuova frenata e il partitotorna sotto pressione

Published Post author

IMG_0072
di Lorenzo Radice
In Cina niente è mai bianco o nero, sono le sfumature che prevalgono, anche in economia, dove la crescita del Prodotto interno lordo del terzo trimestre è scesa al 7.3%: il livello più basso dal 2009. Per quest’anno il governo aveva posto un obbiettivo del 7.5%. Le Borse internazionali hanno tuttavia reagito bene perché i timori erano in effetti di una frenata più consistente, sotto il 7%. Un ulteriore calo cinese spingerebbe tuttavia al ribasso anche la crescita degli Stati Uniti: un punto percentuale in meno nell’espansione del Pil a Pechino, secondo Moody’s Analytics, ha lo stesso effetto negativo di un aumento di 20 dollari nel prezzo del barile di petrolio. In questo caso il danno sarebbe ancora più grave per i produttori di materie prime, dall’Australia all’Indonesia e al Brasile, che contano su una forte domanda dell’industria cinese. Le parole chiave sono: meno investimenti, meno debito e più consumi. Per decenni la Cina si è retta sulle esportazioni spinte dal basso costo del lavoro e sugli investimenti enormi in infrastrutture e sviluppo edilizio. La Fabbrica del Mondo soffre di un eccesso di capacità produttiva, dove nel settore immobiliare, che conta più di un quarto del Pil ci sono più di 10 milioni di case invendute. Il vero problema della Cina, come da noi, è il lavoro. Una crescita del 7%, che in occidente sarebbe un miracolo, in Cina non basta: si dovrebbe avere un minimo del 7.2% per creare ogni anno i 10 milioni di posti di lavoro attesi dal miliardo e trecento milioni di cinesi. La Cina è il paese che, nonostante la crisi in Europa e in America è in lento, ma costante sviluppo e ciò la fa diventare un potenza economica mondiale. Di certo la Cina presenta molti più abitanti di quanti ne presenti l’Europa e quindi le negatività vengono in qualche modo un po’ attutite. Noi dovremmo ispirarci al modello cinese.

23 ottobre 2014

CORRIERE: Più succo nell’aranciata. La rivolta dei produttori

Published Post author

La decisione era nell’aria da più di un anno ma ieri il Parlamento, con il parere favorevole del governo, ha approvato definitivamente un nuovo vincolo su alcune bibite, tra cui le aranciate, applicabile a chi produce in Italia. La nuova norma prevede che le aranciate contengano almeno il 20% di succo con l’obiettivo di incrementare la produzione italiana di agrumi. Sentitasi discriminata Assobibe, emette il suo parere sulla nuova decisione: l’associazione è contraria in quanto va a penalizzare la produzione di bibite made in Italy. L’associazione di Confindustria accusa il Governo di avere fatto un caso di autolesionismo, anziché di tutela delle industrie nazionali e dei loro lavoratori. È molto facile che dopo questa decisione molte aziende prendano l’iniziativa di delocalizzare i propri impianti in altri paesi dove non sarebbero sottoposte agli stessi vincoli. In base ala nuova legge, infatti, l’aranciata deve contenere il 20% di frutta soltanto se si produce in Italia, se invece la bibita arriva da qualsiasi paese appena fuori dai nostri confini, resta valido il vecchio 12%. Questo che si è creato è un bel dilemma, poiché se ci mettessimo nei panni delle aziende sarebbe solo un costo aggiuntivo e questo porterebbe lo spreco di denaro che in questo momento di crisi molte aziende produttrici di bevande non si possono permettere. Mettendosi d’altro canto nei panni degli agricoltori italiani questa nuova legge porterebbe molto denaro che non hanno mai avuto nelle loro tasche. Quindi è un bene o un male questa nuova legge? Lo scopriremo nei prossimi mesi.

22 ottobre 2014

Il Giornale: QUEI GIOVANI LAUREATI CHE FANNO GLI SPAZZINI

Published Post author

IMG_0057

 Giornale 08/10/2014

di Lorenzo Radice

Giuseppe Spizzino, 27 anni, laureato in ingegneria edile fa lo spazzino a Napoli. «Anche se mi chiamo Spizzino, mai avrei creduto di ridurmi a fare lo spazzino – racconta Giuseppe al Giornale -. Ero però stufo di fare il disoccupato e vivere alle spalle dei genitori. Vorrei andare a vivere da solo e farmi una famiglia, invece raccolgo monnezza dalla mattina alla sera. Sono tra i più giovani, considerando che i miei colleghi hanno un età media di cinquantacinque anni e sui trecento operatori ecologici in servizio la metà risulta “parzialmente inabile” alla raccolta rifiuti». Giuseppe con queste parole si collega a un articolo che tre anni fa uscì su Repubblica con un titolo simile a quello del Giornale di oggi; l’articolo di tre anni fa parla di un altro ragazzo che con enormi sacrifici famigliari, è riuscito a laurearsi a pieni voti, ma nonostante tutto si è ridotto a fare lo spazzino a Palermo, con stipendio di 1000 € e turni che vanno dalle dieci di sera alle quattro del mattino. Storie di questo tipo ormai in Italia non sono un’eccezione, anche perché molti giovani italiani vogliono mestieri prestigiosi. Ma basta fare un giro al Salone dei giovani a Torino o a Genova per rendersi conto che per un giovane laureato che riesce a realizzarsi nella professione per quale ha studiato, ce ne sono 10 che devono ripiegare su attività di seconda o terza fascia, lavori che se tutto va bene si guadagna 1000 euro al mese, ma con almeno la soddisfazione di avere un posto lavorativo a tempo indeterminato. L’alternativa è quella di essere disoccupati. Solo qua in Italia succede così perché ad esempio in Svizzera un comune spazzino urbano guadagna 3600 euro al mese, una paga che qua da noi risulta essere quella di un avvocato con alle spalle una carriera piuttosto prestigiosa.Inoltre bisognerebbe lasciare spazio ai giovani, garantire loro sicurezza e fiducia nei confronti dello Stato, per quanto riguarda l’ambito lavorativo, ma ormai l’Italia politica” sta cercando di risistemare le cose per un paese che ormai gli è contro.

9 ottobre 2014

IL GIORNALE: Il governo sfida la Merkel: non rispetteremo i trattati

Published Post author

IMG_0056

Da il Giornale 08/10/2014

di Gabriele Nicosia

Et voilà l’Italia non paga. Renzi oggi incontrerà la cancelliera tedesca Angela Merkel per parlare dei trattati firmati tra Italia e Germania che la nostra nazione si rifiuta di pagare, poiché «le clausole del trattato - dichiara il governo - non sono n’è fattibili n’è auspicabili visto che la correzione del “saldo strutturale per il 2015 del 2,2% è impossibile»; ci saranno però delle limitazioni al posto del 2,2 l’Italia lo porterà allo 0,1% per di più in due anni. Possiamo dire da un punto di vista calcistico, visto che entrambi seguono molto il calcio, che Renzi abbia fatto un “cucchiaio alla Merkel, inoltre il premier italiano ha annunciato che l’Italia non abbasserà il deficit nominale all’1,8% e neanche al 2,2% ma lo alzerà fino al 2,9%. L’Italia ha copiato la Francia d non pagando quanto stabilito dai trattati con la Germania, però i francesi hanno un deficit sui conti pubblici che arriva al 4,4%, mentre l’Italia ha dichiarato che farà un investimento da 23 miliardi di euro cosi da portare il proprio deficit almeno al 3% tanto da riuscire ad alzare il Pil. Per calcolare il Pil esistono vari sistemi, ma nessuno, neanche nel governo Monti, si è mai posto il problema di negoziare un sistema più favorevole per noi e adesso si vedono i risultati.

Secondo me l’Italia ha fatto bene a non pagare i trattati visto che non riceviamo mai una mano nè dall’Unione Europea nè dalla Germania, ma si ricordano di noi solo quando c’è da pagare il debito o altri prestiti che ci hanno fatto. Che nessuno abbia mai pensato a un sistema di calcolo del debito che faccia comodo anche a noi, mi lascia molto perplesso poiché mi sembra strano che dei politici con le lauree nelle migliori università italiane non ci abbiano pensato; o forse a loro conveniva far finta di niente, visto che adesso stanno emergendo tutti i casi di corruzione dei politici e trovare una soluzione al problema non avrebbe consentito loro di arricchirsi con i nostri fondi.

8 ottobre 2014

IL GIORNALE: Inutili i raid Usa, Kobane verso la resa

Published Post author

IMG_0055

Da Il Giornale 08 /10/2014
di Corrado Mallia

Kobain, la Stalingrado dei curdi, è ormai assediata dallo Stato Islamico che ne ha quasi conquistato tre quartieri, provocando 400 morti, ed ha issato la bandiere nera del califfato. La cosa più clamorosa è che le truppe turche, stanziate lungo il confine non hanno mosso un dito per aiutare li propri concittadini e infatti sono scoppiati degli incidenti nella capitale a favore degli aiuti militari in aiuto di Komane. Erdogan, primo ministro turco, commentando l’accaduto, ha sottolineato l’inutilità dei raid americani e che la Turchia non è neanche disposta a collaborare con le forze di terra già presenti.

La strategia del nuovo sultano appare chiara: lasciamo da soli i curdi e interveniamo solo per distruggere il califfato in collaborazione con gliamericani. Il primo passo sarebbe creare una no-fly zone a ridosso del confine turco per creare un cuscinetto dove far rifugiare i profughi e per poi far partire l’offensiva contro l’Isis.

Lo Stato Islamico avanza normalmente infatti i raid americani e alleati sono stati poco incisivi e troppo pochi infatti in paragone con l’invasione dell’Iraq i raid contro l’Isis sono stati meno della metà della metà. Inoltre si lavora in tutto il mondo per fermare l’arruolamento dello Stato Islamico che continua a fare propaganda su internet; anche in questi giorni sono stati bloccati alcuni giovani in viaggio verso la Siria.

GLi USA aveva annunciato i raid delle settimane scorse come se avessero vinto una terza guerra mondiale ma, invece, si sono dimostrati utili ben poco perchè l’Isis ha continuato ad avanzare come se niente fosse.

8 ottobre 2014

IL GIORNALE: Pisapia sfida Alfano

Published Post author

Da Il Giornale 08/10/2014

IMG_0054di Grecia Gonzales

Le nozze (gay) non s’hanno da fare, dice Pisapia ad Alfano: «Io vado avanti». Alfano ha inviato una circolare ai prefetti per ordinare la cancellazione della registrazione delle nozze tra omosessuali. Egli afferma che in Italia non è possibile che ci si sposi tra persone dello stesso sesso, quindi quei matrimoni non possono essere trascritti nei registri dello stato civile italiano per il semplice motivo che non è consentito dalla legge. Il segretario metropolitano del Pd Pietro Bussolati afferma che Alfano sbaglia approccio quando cerca di impedire le trascrizioni dei matrimoni omosessuali. Sulla certezza che sia un atto contro la legge, poi, non ci siamo proprio. La trascrivibilità del matrimonio tra persone dello stesso sesso celebrato all’estero, infatti “si deve valutare alla luce dell’ordine pubblico internazionale”. Il Comune di Milano comincerà senza “alcun dubbio” a trascrivere i matrimoni fra persone dello stesso sesso celebrati all’estero. L’ha rimarcato il sindaco del capoluogo lombardo, Giuliano Pisapia. Spiega infatti che il Parlamento deve legiferare sui matrimoni tra persone dello stesso sesso, non sulla trascrizione delle unioni registrate all’estero. A governare con Alfano succede che mentre a Milano e in altre città i consiglieri Pd votano per fare trascrivere le nozze (gay) contratte all’estero, lui fa una circolare ai Preferiti perché vengano cancellate ed annullate di ufficio. Il primo a ribellarsi alla circolare di Alfano è stato il sindaco di Bologna, Virginio Merola che non obbedisce. A questa ribellione si sono uniti i comuni di Milano, Udine, Napoli, Grosseto e Empoli. Chieti obbedisce. Purtroppo gli uffici dell’Anagrafe rispondono al ministero dell’interno. Il modo più sicuro per il sindaco è trascrivere lui stesso gli atti, senza emanare ordinanze o decreti, nè imporre nulla agli ufficiali di Stato. L’ex ministra Mara Carfagna afferma che oggi ci sono i tempi e le condizioni perché la politica si dia da fare, lontana da pregiudizi e ideologie di parte per trovare soluzioni in grado di riconoscere tutele diritti e doveri a persone dello stesso sesso che abbiano deciso di condividere un percorso di vita. Inoltre ha aggiunto che fin quando la politica non avrà il coraggio e la responsabilità per farsi promotrice di una legge dello Stato sulle unioni civili sarà impossibile evitare che una circolare del ministro o, peggio, una sentenza della magistratura colmi un vuoto politico e normativo. L’iniziativa della Carfagna promette di rispettare le diverse sensibilità presenti in Forza Italia per arrivare a soluzioni che siano i più possibili condivise da tutti con l’obiettivo di elaborare un programma che permetterà al Paese di progredire in linea con le più avanzate democrazie liberali. Dall’altra parte i Vescovi affermano che il matrimonio è e resta un sacramento indissolubile ma le unioni di fatto devono essere considerate con rispetto perché possano presentare elementi di santificazione e di verità. Penso che la Chiesa dovrebbe essere vicina con comprensione, perdono e misericordia alle coppie in difficoltà.

Secondo me si deve lasciare la gente libera di decidere, tanto chi è contrario, lo rimarrà comunque, anche se c’è una legge! All’approvazione di questa, si creerebbero dei problemi aggiuntivi, come il voler adottare un bimbo, decisione che non condivido assolutamente. Penso che chi voglia condividere con una persona del suo stesso sesso sialibera di farlo ma voler poi pretendere dei diritti imprescindibili non mi sembra affatto accettabile. Va bene voler essere accettati come tali in una società come conviventi, compagni ma da lì ad allargarsi e pretendere altri diritti non mi sembra per niente corretto.

Di Grecia Gonzales

8 ottobre 2014

IL GIORNALE: Arrivano gli scooter sharing a Milano: fino a 1500 motorini a disposizione

Published Post author

IMG_0051

Da Il Giornale 08/10/2014

di Jacopo Corsaro

Il piano scooter del Comune avrà una flotta compresa tra 1.000 e 1.500 mezzi. Noi cittadini ci chiediamo di cosa si tratta ? Questo servizio inizierà già dall’anno prossimo, su modello del car sharing, che consentirà di utilizzare il veicolo senza vincoli di prenotazione e di parcheggio. Con un veloce e semplice click si può trovare comodamente sulla mappa il veicolo più vicino e lo si può prenotare, parcheggiandolo poi indifferentemente nelle strisce gialle o blu del luogo di arrivo. A fine ottobre ci sarà un convegno con tutti i potenziali operatori, per avere un po’ di consigli per adattare il bando. Il bando che l’assessorato ha intenzione di lanciare entro la fine dell’anno ovviamente sarà ispirato a quello del car sharing, quindi senza monopoli. L’idea è che l’avviso pubblico esca nel 2014 e i servizi a inizio 2015, tra febbraio e marzo.

Questa è un’ottima idea da parte del comune, non solo perché offre un servizio molto utile ai cittadini ma anche perché, in previsione dell’Expo porterà molta credibilità alla città di Milano dato che i visitatori potranno usufruire di questo fantastico servizio. Però se ci dovessimo mettere nei panni delle case motociclistiche questa idea dello scooter scharing non sarebbe vista di buon occhio, poiché porterebbe a una diminuzione degli introiti annui della vendita degli scooter. Io dico attenzione.

8 ottobre 2014

REPUBBLICA: Irlanda e Lussemburgo nel mirino Ue per gli aiuti illegali alla Apple e Fiat

Published Post author

IMG_0042

Commento di Corrado Mallia

 

 

La Commissione Europea ha formalizzato la procedura di infrazione per Irlanda e Lussemburgo per aver aiutato l’Apple e la Fiat per con trattamenti fiscali concordati in via preventiva e particolarmente agevolati.
L’inchiesta sulla Fiat riguarda solo Fiat Finance and Trade (FFT) che contesta come il trattamento riservato a FFT «non rispetti il principio di concorrenza piena» perché è un indebito vantaggio. In particolare l’indagine si centra sul transfer pricing arrangement cioè sulla fissazione arbitraria dei prezzi dei prodotti che vengono forniti ai rivenditori autorizzati.
Bruxelles si lamenta delle scarse informazioni fornite dal governo Lussemburghese riguardo le richieste di chiarimenti, questo ha insospettito molto la Commissione fino a portarla all’apertura di un fascicolo. Inoltre Bruxelles aggiunge che se non riceverà risposta entro un mese chiederà le informazioni direttamente alla Fiat e nel caso si dovessero trovare delle operazioni illegali il paese dovrà restituire le somme con degli interessi.Fiat non ha reagito alla notizia dell’inquisizione, che ha fatto calare le azioni del gruppo in borsa del 3.7%, mentre il Lussemburgo ha diffuso un comunicato dove afferma di aver fornito le informazioni necessarie e di aver collaborato pienamente.
Per quanto riguarda il governo Irlandese spera nel miracolo perché secondo alcune fonti Bruxelles avrebbe in mano delle prove molto attendibili che potrebbe indurre la sanzione. La Apple, invece ha diffuso un comunicato dove nega le accuse e sostiene di essere trattata come tutte le altre società irlandesi.
Secondo me la Commissione europea ha fatto bene a inquisire le due multinazionali con i rispettivi paesi perché non è giusto che le società più grandi siano avvantaggiate fiscalmente perché questo non favorisce la concorrenza.

3 ottobre 2014

REPUBBLICA: La truffa dei divorziati italiani a Londra

Published Post author

IMG_0044

Commento di Ela Parrino

La legge italiana consente di divorziare soltanto dopo tre anni di separazione legale. Ma i cittadini italiani residenti all’estero hanno la facoltà di divorziare secondo le leggi del paese di residenza e poi trascrivere il divorzio in Italia: ciò significa che nel giro di un anno, o anche meno, si può divorziare, senza passare dal limbo dei tre anni di separazione. Finora, tuttavia, l’unica maniera di aggirare i tre anni di attesa era divorziare in un altro aese europeo, come ad esempio l’Inghilterra che offre un divorzio rapido, a patto di esservi residenti. Questo è il motivo della piccola truffa che ha permesso alle 180 coppie di italiani di divorziare in Inghilterra in base alle leggi anglosassoni e di arrivare all’obbiettivo con rito molto più veloce di quello in vigore in Italia. Su consiglio dei loro avvocati, i coniugi hanno semplicemente scritto un indirizzo fittizio sulla richiesta di divorzio. È andato tutto bene fino a quando un funzionario della contea di Burnley si è accorto che in due richieste di divorzio risultava lo stesso indirizzo. Quando è andato a controllare ha scoperto che non si trattava di una casa, ma di una casella postale. Andando più in fondo alla faccenda si è scoperto che in quella casella avevano trovato posto, si fa per dire, tutte le 180 coppie italiane che hanno divorziato a Burnley. «Date le dimensioni della casella postale, nemmeno una persona piuttosto magra avrebbe potuto risiedere lì dentro» ironizza il giudice. Se avessero avuto l’accortezza di scegliere 180 caselle postali diverse, magari la truffa sarebbe riuscita.

Per me quello che le 180 coppie hanno fatto è sbagliato, ma forse sono ingiuste anche le leggi riguardo al divorzio in Italia. Ma arrivare a mettere un indirizzo di una casella postale in Inghilterra mi sembra esagerato. Mi sembra esagerata anche la decisione del giudice Munby di far annullare tutti i divorzi ottenuti in tale maniera: ormai la truffa è stata fatta, l’importante è che non si ripeta nuovamente. Non c’era il bisogno di annullare il divorzio delle 180 coppie.

3 ottobre 2014