Cos’è il Quantitative Easing?

FRANCOFORTE RESTA POCO INCLINE ALL’USO DI ARMI NON COVENZIONALI Walter Riolfi

Da Il Sole 24 Ore 08/04/2014

di Ela Parrino

Si parla molto di quantitative easing, ma forse alcuni non avranno ben capito di cosa si tratta. Con questo termine si designa una delle modalità con cui avviene la creazione di moneta da parte della banca centrale e il suo inserimento nel sistema finanziario ed economico. In caso di ricorso ad alleggerimento quantitativo, la banca centrale acquista attività finanziarie dalle banche del sistema (azioni o titoli, anche tossici), con effetti positivi sulla struttura di bilancio di queste ultime. Ora ci chiediamo: la BCE (Banca Centrale Europea) riuscirà finalmente a partorire ilquantitativeeasing? L’ipotesi è assai probabile. A gennaio questa opzione non era neanche stata toccata ma già alcuni operatori ritenevano certo il fatto che prima o poi sarebbero ricorsi all’uso del Qe. Tanti di loro agitano lo spettro della deflazione, ma in verità se la augurano per continuare a comprare titoli del credito, titoli dello stato e titoli azionari. Ma tanti altri paiono dotati di realismo. Infatti si è capito ieri, quando il cambio euro/dollaro è aumentato; se l’inflazione di aprile o maggio dovesse scendere ancora dello 0,5% rispetto al mese scorso, probabilmente sarà compito della BCE intervenire per calmare l’euro, possibile fattore di deflazione. Ma, viene anche aggiunto che se proprio dovessimo vedere una sorta di Qe, sarà per l’eventuale mancata di sterilizzazione dei 172,5 miliardi del vecchio programma Smp (Securities Markets Programme), attivato nel 2010 per l’acquisto sul mercato secondario dei bond dei Paesi più colpiti dalla crisi finanziaria e i cui rendimenti erano diventati troppo onerosi. L’obiettivo del programma era ristabilire appropriati meccanismi di trasmissione della politica monetaria, per arrivare a una stabilità dei prezzi nel medio periodo. Io penso, da studentessa, che sarebbe utile che la BCE riuscisse ad attuare questa misura, perché potrebbe in qualche maniera aiutare le banche e avere effetti positivi sulla struttura di bilancio di queste ultime.

8 aprile 2014

One thought on “Cos’è il Quantitative Easing?

  1. xbukowskyx

    per combattere la deflazione non basta una politica di quantitative easing se questa finisce nelle mani delle banche che in questo momento sono restie nel concedere credito. la moneta se si vuole combattere la deflazione deve essere immessa nel mercato economico reale. le banche non faranno altro che spostare questa ingente quantità di denaro nei mercati finanziari facendo leva sugli spred favorevoli al loro aggio. di conseguenza le banche si liberano dei junk bond, abbassano il loro risk value e utilizzando il vantaggio dello spread avranno un maggiore capital gain. una politica meramente favorevole a far aumentare gli utili bancari, con riflessi nulli nell’economia reale.

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>